(Português do Brasil) NORMAS PARA APRESENTAÇÃO DE PROPOSTA DE COMUNICAÇÃO – Anacronias 2018

NORME PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE DI COMUNICAZIONE

AL III COLLOQUIO INTERNAZIONALE DEL NECLIT

“ANACRONIAS DA/NA LITERATURA ITALIANA E MOVIMENTOS POSSÍVEIS”

UFSC – Florianópolis (Brasil)

5 a 9 de Novembro de 2018

1) Sono aperte le iscrizioni per la presentazione di proposte di comunicazione al III Colloquio Internazionale del NECLIT (Núcleo de Estudos Contemporâneos de Literatura Italiana – http://neclit.ufsc.br/), Anacronias da/na literatura italiana e movimentos possíveis”.

2) Gli interessati dovranno inviare un riassunto, in italiano o portoghese, tra le 200 e le 300 parole, comprendente il titolo, accompagnato da una breve nota curriculare, con nome dell’autore, titoli di studio e vincolo accademico con l’istituzione di appartenenza, all’indirizzo neclit.ufsc@gmail.com, entro il 10/09/2018. Potranno essere accettate proposte di laureandi, dottorandi e docenti universitari.

3) I riassunti saranno analizzati, mediante valutazione cieca, dalla Commissione Scientifica del Colloquio e l’eventuale accettazione della proposta di comunicazione sarà notificata agli autori entro il 28/09/2018. Il giudizio della commissione sarà insindacabile.

4) I criteri di analisi delle proposte riguarderanno la pertinenza alla tematica e alla metodologia critico-teorica proposte dall’evento (in allegato a questo documento), la correttezza linguistica, l’originalità e il rispetto delle norme indicate al punto 2.

5) I giorni destinati alle sessioni di comunicazione, in consonanza con la programmazione disponibile in allegato, sono il 6 e 7 e, qualora si rendesse necessario, l’8 novembre 2018.

6) Il tempo disponibile per la comunicazione non potrà superare i 20 minuti. Le aule non sono attrezzate per l’uso di computer portatili o di qualsiasi altro dispositivo di uso personale, per cui potranno essere utilizzati unicamente i computer disponibili nelle stesse aule, che dispongono di connessione ad internet.

7) La partecipazione all’evento non prevede alcuna tassa d’iscrizione. Al contempo, la Commissione Organizzatrice, ancorché possa rendere disponibili informazioni logistiche, declina ogni responsabilità circa il viaggio e il soggiorno dei partecipanti.

 

ALLEGATO

 

Anacronie della/nella letteratura italiana e movimenti possibili

Il III Colloquio Internazionale “Anacronie della/nella letteratura italiana e movimenti possibili” pone al centro della discussione, in particolare, una riflessione sulla produzione poetica e narrativa italiana del 20° e 21° secolo. L’obiettivo è quello di approcciare l’atto della scrittura nei suoi conflitti con le temporalità, pensando sia ad autori che problematizzano le modalità autobiografiche e memorialistiche sia ad autori che ibridano/parodiano i registri della tradizione e della modernità. Secondo questa prospettiva, oltre a ripensare la letteratura a partire dalle sue immagini in potenza e da linguaggi che cercano le singolarità del senso al di fuori della categorizzazione delle parole, si desidera altresì riflettere sul rapporto tra arcaico e moderno.

Questo evento internazionale nasce all’interno delle ricerche realizzate nel Núcleo de Estudos Contemporâneos de Literatura Italiana (NECLIT, http://neclit.ufsc.br), dell’Università Federale di Santa Catarina (UFSC), e vuole rapportarsi direttamente ai Colloqui I, “Residui dell’umano: esperienza e linguaggio nella letteratura italiana delle ultime decadi” (2016), e II, “Contemporaneità della/nella letteratura italiana” (2017), per dare continuità a una serie di discussioni che permeano l’idea di contemporaneo.

Se l’enfasi nelle passate edizioni è ricaduta su un’idea di letteratura segnata da fratture, digressioni e venature, che mette in discussione lo statuto della parola, aprendo la strada a interrogativi relativi soprattutto al linguaggio, il nocciolo critico e teorico, in questa occasione, si concentrerà sulle seguenti linee:

– anacronie della/nella letteratura italiana (anche in dialogo con altre arti);

– sciami e rovine della storia;

– tendenze antistoricistiche;

– memoria e finzione, conflitti e dialoghi;

– altre forme del dicibile e dell’immaginabile;

– perdita di un’esperienza narrabile;

– vertenti post-umane.

In questo senso, alcune problematiche da affrontare potrebbero anche essere sintetizzate in quesiti, passibili di ulteriori sviluppi, come ad esempio: in che modo la letteratura si riferisce a ciò che viene chiamato tradizione, archivio o memoria? Quali sono le tracce che sopravvivono in essa? Che lingua parla o in che lingua si fa parlare? Quali sono i movimenti della letteratura italiana contemporanea? Quali sono, oggi, le trame di questa scrittura? Come affrontano poeti e scrittori queste domande nei loro peculiari rapporti con la parola?

Tutte le riflessioni proposte, in questi transiti fra memoria, finzione, storia, parola, immagine, si vogliono modulate sull’idea di “anacronia”, di rovesciamento di un metodo uniforme, sequenziale, restitutivo, affermativo. Si può pensare, insomma, ai momenti anacronistici così definiti da Georges Didi-Huberman:

“L’anacronismo non può perciò essere ridotto a quel tremendo peccato che ogni storico patentato vi scorge immediatamente. Potrebbe essere pensato come un momento, un battere ritmico del metodo, al limite un suo passaggio sincopato. E persino paradossale, pericoloso, come è necessariamente ogni assunzione di rischio”. (Storia dell’arte e anacronismo delle immagini, trad. di Stefano Chiodi, Bollati Boringhieri, Torino 2007, p. 24)

Lo scopo di questo Colloquio Internazionale è quello, inoltre, di promuovere uno spazio accademico in grado di offrire un canale di dibattiti interdisciplinari basati sui temi presentati e di contemplare una prospettiva trasversale e comparata che, prendendo  le mosse dalla letteratura italiana, si apra, secondo il titolo, verso “movimenti possibili”. L’obiettivo è quello di fornire una pluralità di prospettive, al fine di legittimare un forum importante per l’ambito dell’italianistica, che riunisca professori, studiosi, dottorandi e laureandi.

Parole-chiave:

Letteratura italiana; contemporaneo; anacronismo; tradizione; modernità.

Comissione Organizzatrice:

Patricia Peterle (UFSC/CNPq)

Andrea Santurbano (UFSC)

Francisco Degani (UFSC)

Fabiana Vasconcellos Assini (UFSC-PPGLit/CNPq)

Agnes Ghisi (UFSC-PIBIC/CNPq)

Caroline Weiss (UFSC- PIBIC/CNPq)

Mariele Tortelli (UFSC- PIBIC/CNPq)

Commissione Scientifica:

Andrea Santurbano (UFSC)

Francisco Degani (UFSC)

Elena Santi (UFSC-PPGLit/CAPES)

Lucas de Sousa Serafim (UFSC-PPGLit/CNPq)

Maurício Santana Dias (USP)

Kelvin Falcão Klein (UNIRIO)

Lucia Wataghin (USP)

Programmazione:

 

05/11/2018, lunedì

8:30 Apertura dei lavori

9:00-12:00 Tavolo di conferenze I

14:30-17:30 Tavolo di conferenze II

06/11/2018, martedì

9:00-12:00 Minicorso 1

14:30-17:30 Sessioni di comunicazione

07/11/2018, mercoledì

9:00-12:00 Minicorso 2

14:30-17:30 Sessioni di comunicazione

08/11/2018, giovedì

9:00-12:00 Letture e performance artistiche

14:30-17:30 Sessioni di comunicazione

09/11/2018, venerdì

9:00-12:00 Tavolo di conferenze III

Chiusura dei lavori